software di gestione del prezzario della regione basilicata

regione basilicata – dipartimento infrastrutture, opere pubbliche e mobilità

Software di gestione e consultazione del Prezzario della Regione Basilicata

Realizzato il software di gestione e consultazione del Prezzario Ufficiale della Regione Basilicata commissionato dal Dipartimento di Infrastrutture, Opere Pubbliche e Mobilità.

Il software prevede la consultazione online del Prezzario, l’invio da parte degli stakeholders di osservazioni per la modifica dei prezzi adottati e la convalida delle modifiche da parte degli amministratori. Il prezzario può essere esportato in formato XML, XLSX e PDF per garantirne la massima compatibilità e fruizione.
Il software ha sostituito sia la precedente applicazione web pubblicata all’indirizzo: http://prezzariooperepubbliche.regione.basilicata.it per l’invio da parte degli stakeholders delle osservazioni, sia il software Dedalo della Netinsoft utilizzato per la creazione e la gestione del prezzario.

Gli ambiti di intervento sono stati due:

  • creazione di un software per la creazione e gestione del prezzario
  • creazione di un sito web per la consultazione del prezzario e la raccolta delle osservazioni

Creazione e gestione del prezzario

Situazione pregressa

  1. La creazione, manutenzione e gestione del prezzario era demandata a società esterne all’ente Regione Basilicata.
  2. Il prezzario era redatto con l’applicativo desktop DEDALO di proprietà della netinsoft.
  3. Essendo un software desktop, il database dei costi, delle voci e delle analisi non era condiviso fra gli operatori che lavoravano alla redazione del prezzario. Una modifica ad un costo da parte di un operatore non era condivisa con gli altri e ciò portava a possibili errori o incongruenze.
  4. Il database dei costi, delle voci, dei capitoli, e delle categorie era spezzettato in tanti piccoli file. Anche in questo caso la modifica di un costo da parte di un singolo operatore su un singolo capitolo del prezzario non veniva applicata in automatico a tutti i capitoli dando vita a possibili incongruenze.
  5. Il software era pensato non solo per la redazione del prezzario pubblico regionale ma anche per la redazione di altri prezzari e per la contabilità dei lavori per professionisti. Per questo motivo era ricco di funzionalità e opzioni che risultavano ostiche o fuorvianti per chi doveva lavorare esclusivamente alla redazione del prezzario.
  6. I dati non erano esportabili in formati standard, o comunque erano estraibili in formati di difficile utilizzo per altri applicativi.
  7. La consultazione del prezzario era riservata a personale specializzato e tecnici con l’utilizzo di software specifico.
  8. Non esistevano log per poter controllare chi aveva modificato le analisi o i costi e quali dati erano stati modificati.
  9. Il backup dei dati era demandato ai singoli operatori.
  10. Lo storico dei prezzi era manuale e possibile solo da un anno al precedente.
  11. Non esisteva la possibilità di avere dei grafici con l’andamento dei prezzi delle singole voci o dei costi negli anni.
  12. I costi erano raggruppati per capitoli e categorie così come le voci del prezzario. Non era possibile sapere in quali voci era utilizzato un costo rendendo difficile valutare l’impatto che avrebbe avuto una sua variazione
  13. Gli stakeholders potevano accedere ad un applicativo web realizzato allo scopo e ospitato sui server dell’ente, ma l’aggiornamento dei dati del prezzario da un anno ad un altro era esclusiva della Netinsoft e non del personale della regione.

Situazione attuale

Da un’attenta analisi dei requisiti e da interviste con il personale addetto ai lavori, analizzando la situazione pregressa e i punti deboli del sistema, si è lavorato per ottimizzare l’efficienza, la fruibilità e la semplicità di utilizzo. In particolare sono stati raggiunti i seguenti obiettivi:

  1. Con l’attuale software accessibile via web la creazione, manutenzione e gestione del prezzario è demandata al personale interno all’ente Regione Basilicata o comunque a personale esterno tramite username e password forniti dagli amministratori del sistema. Gli amministratori possono dare o meno le credenziali di accesso a personale esterno, limitarne le funzionalità e possono controllare gli accessi e l’operato grazie ai log di sistema.
  2. La redazione del prezzario avviene con un software proprietario dell’ente Regione accessibile via web e ospitato sui server dell’ente che provvede a effettuarne il backup dei dati.
  3. Essendo un software web, ospitato su un server accessibile dall’esterno e avendo un unico database, i costi, i capitoli, le voci e le analisi sono condivise tra tutti gli operatori che ci lavorano.
  4. Il database dei costi, delle voci, dei capitoli, e delle categorie è unico per l’applicazione web. Una modifica effettuata da un operatore è immediatamente disponibile a tutti gli altri. In particolare una modifica ad un costo elementare o ad un costo base come quello del gasolio, si ripercuote immediatamente su tutte le analisi di tutte le voci di quel prezzario riducendo a zero le incongruenze.
  5. Il software è stato realizzato esclusivamente per la gestione e la consultazione del prezzario pubblico regionale, con un’interfaccia utente ottimizzata e semplificata per rendere il lavoro più semplice possibile. Ci sono anche dei controlli automatici per evitare possibili mancanze o dati incongruenti.
  6. I dati sono esportabili in formati standard quali xml, excel e pdf da parte degli utenti autorizzati per permettere una facile consultazione o importazione in altri software e massimizzarne l’interoperabilità. I dati inoltre sono di proprietà dell’ente e conservati su server della Regione Basilicata.
  7. La consultazione dei dati è accessibile sia a personale tecnico specializzato che a tutti i cittadini che possono liberamente effettuare una ricerca per capitolo, codice o voce o scaricare il pdf generato automaticamente.
  8. Sono presenti tutti i log di accesso e i log delle operazioni effettuate. In questo modo è possibile sapere chi ha avuto accesso al software, chi ha effettuato le modifiche, quali campi sono stati modificati, da chi e a che ora.
  9. Il backup dei dati è centralizzato ed effettuato dal CTR della Regione Basilicata.
  10. E’ stato creato un codice univoco per ogni sottovoce del prezzario in modo da poter visualizzare anche sotto forma di grafici lo storico dei prezzi nel tempo anche qualora il codice standard della voce dovesse subire variazioni ma non cambi la sua natura (ad esempio una voce passa dal codice A.01.019 a A.01.020).
  11. C’è la possibilità di avere dei grafici con l’andamento dei prezzi delle singole voci e dei costi negli anni.
  12. C’è una relazione uno a molti tra i costi che sono raggruppati in macro categorie (noli, manodopera, materiali, sicurezza) e le analisi che compongono il prezzo delle singole voci. E’ possibile visualizzare immediatamente quali sono le voci interessate da un costo elementare e sapere a priori qual’è l’impatto di una variazione sull’intero prezzario.
  13. nell’esportazione dei dati in pdf, oltre ai prezzi delle singole voci vengono esportati anche tutti i costi coinvolti nella redazione delle analisi per ogni capitolo o sottocapitolo.
  14. Gli stakeholders possono accedere e consultare i prezzari appena pubblicati da parte dell’ente nonché le analisi dei prezzi. Possono proporre osservazioni sulla modifica dei prezzi allegando eventualmente i preventivi dei costi. Le osservazioni generiche possono essere effettuate anche da tecnici o da singoli cittadini che non hanno però accesso alle analisi.
  15. La consultazione del prezzario è pubblica attraverso l’url: http://prezzariooperepubbliche.regione.basilicata.it
  16. I visitatori possono scaricare il prezzario sotto forma di pdf, consultare tutte le voci attraverso una struttura ad albero: Capitoli, categorie, voci, sottovoci. Possono cercare una voce per codice o per descrizione senza la necessità di installare alcun software terzo. Gli utenti registrati possono estrapolare i dati anche nel formato excel e xml.
  17. Tutti i dati del prezzario (tranne le analisi) sono esportabili da tutti gli utenti registrati (amministratori, operatori, stakeholders e utenti) in formati standard, pdf, excel e xml.
  18. il software web è full responsive e ottimizzato per dispositivi mobili.

 

Prezzario Regione basilicata

Consultazione della tariffa unica dei prezzi delle Regione Basilicata
Vai al sito